Con l’aiuto dell’enoteca e di un orto ben fornito

Siamo certi che la ricetta del risotto alla zucca e salsiccia della scorsa settimana ti abbia fatto venire l’acquolina in bocca, dunque – come promesso – oggi ti parleremo di un’altra prelibatezza preparata dal cuoco Mauro Ballan.

Il risotto con radicchio e salsiccia: una specialità veneta da gustare finché l’inverno non finisce. Si tratta di un’unione davvero vincente, in cui la delicatezza del radicchio incontra il sapore più deciso della salsiccia.

E allora, chef, quali sono gli ingredienti di questa squisita ricetta?

  • 320 g di riso sono sufficienti per 4 persone (e, a proposito, noi ti continuiamo a consigliare il riso dell’Azienda Agricola Falchi, sempre presente all’angolo enoteca&goloserie);
  • 400 g di radicchio;
  • una salsiccia;
  • uno scalogno;
  • 100 ml di brodo di carne;
  • mezzo bicchiere di vino rosso (sicuramente l’enoteca saprà darti i migliori consigli… Che ne dici, ad esempio, di un buon Amarone?);
  • 40 g di parmigiano reggiano grattugiato;
  • 50 g di burro;
  • mezzo spicchio d’aglio;
  • sale.

Insomma: visti gli ingredienti, sembra proprio che l’aiuto della nostra enoteca e un bell’orto a portata di mano siano indispensabili quando ci si vuole improvvisare cuochi. Ma facciamoci svelare anche tutti i passaggi della preparazione per filo e per segno…

In una padella con un goccio d’olio d’oliva:

  • fai appassire una parte dello scalogno sbucciato e affettato;
  • dopo pochi minuti aggiungi la salsiccia tagliuzzata;
  • dopo averlo lavato e tagliato a listarelle, unisci il radicchio.

In una casseruola con olio d’oliva, mescolando con costanza:

  • fai rosolare lo scalogno rimanente;
  • fai tostare il riso per qualche minuto;
  • sfuma con il mezzo bicchiere di vino rosso;
  • trasferisci la salsiccia e il radicchio;
  • versa qualche mestolo di brodo bollente;
  • spegni il fuoco e aggiungi burro e formaggio

E sei pronto per impiattare!

Manca solo un ultimo particolare: ricordati di cercare in enoteca – oltre a un vino rosso per la cottura – anche un vino da sorseggiare mentre mangi. Se preferisci un bianco, l’enoteca ti consiglia un Verdicchio di Jesi o un Est Est Villa Puri. Oppure – se preferisci un vino rosso – puoi sempre berti  l’Amarone che resta, o un altro buon rosso: un Cabernet o un Merlot, ad esempio. 

Bene, ora che con l’aiuto di Mauro sai qualche trucchetto in più, non vediamo l’ora di mangiare con gli occhi anche il tuo risotto con il radicchio e salsiccia: aspettiamo qualche foto dei tuoi piatti nel nostro Gruppo FB!

Di stagione in stagione.

Ascolta su SoundCloud

di Linea Verde Nicolini