Per stare tranquilli anche quando tira vento

Complici i forti venti, è sempre più frequente assistere a vere ecatombe di alberi: pini marittimi, abeti rossi e tanti altri. Le piante ad alto fusto, in specie in città, diventano pericolose per cose e persone.

Così il tema della cura del verde (cittadino e non) resta centrale: necessaria ogni possibile prevenzione dei rischi di caduta dei grandi esemplari arborei. E l’argomento della valutazione della stabilità diventa quasi ‘virale’, con richieste urgenti di consigli competenti e obiettivi.

L’esperienza nella coltura e nel trapianto di alberi ad alto fusto (dal 1865!) e la capacità di pronto intervento della nostra azienda garantiscono appunto le giuste risposte e la sicurezza dei trattamenti: anche per i delicati pini mediterranei. Cominciamo a scoprire insieme, allora, quali sono le ‘parole chiave’ di questo impegno. Infatti, oltre alla manutenzione ordinaria e straordinaria, ci sono certamente possibilità di scelte diverse. Insieme ad un sano turnover.

  1. Resistograph svela lo stato di salute interno degli alberi, misurando la resistenza che una microonda incontra perforando la pianta stessa. Preciso e veloce, nelle mani giuste dà risultati assolutamente attendibili e in tempo reale.
  2. La tomografia è tra le indagini più utili per conoscere le condizioni interne d’un albero e la sua stabilità. In specie la tecnologia sonica garantisce alta precisione, sfruttando il principio per cui la velocità di diffusione del suono nel legno è proporzionale alla sua elasticità e densità.

Di stagione in stagione.

Ascolta su SoundCloud

di Linea Verde Nicolini

0 commenti