I momenti e le modalità migliori per farlo

Sai che si sta avvicinando? Il momento migliore per la potatura delle caducifoglie. Quindi è certamente il caso di parlarne. Ma – prima – può servirti ritornare sull’argomento generale delle potature. E soprattutto sulla ragione fondamentale che le determina: la necessità, non solo estetica, di armonia. Nelle diverse stagioni.

Quando vuoi potare (oppure cimare) una qualsiasi pianta ti devi chiedere cosa vuoi ottenere da lei. Saprai, del resto, che quasi sempre la gemma apicale/terminale di ogni germoglio è più gagliarda e più veloce nello sviluppo rispetto alle laterali sottostanti, che – stando sotto – restano un po’ inibite. Questa caratteristica si chiama, non a caso, dominanza apicale.

Ci sono tuttavia delle varietà (il lillà, per dirne solo una) che hanno uno schema di sviluppo diverso: più biforcuto. Questo paradigma si realizza per via del fatto che le gemme apicali in queste piante sono due. Anche in questi casi – se vuoi moderare la dominanza apicale e quindi far sì che la pianta si sviluppi più in larghezza che in altezza – devi comunque effettuare tagli di potatura apicale. Non dimenticando, tuttavia, che le gemme laterali sottostanti non si svilupperanno mai tutte con la medesima intensità: quelle più vicine all’apicale asportata tenderanno a prevalere sulle sottostanti. Inoltre la gemma più alta sarà portata naturalmente a sostituire nella funzione di accrescimento in altezza la gemma apicale potata.

Ti appassiona l’argomento? Allora ci torniamo su presto

Di stagione in stagione.

Ascolta su SoundCloud

di Linea Verde Nicolini

0 commenti