Una nuova frontiera nella tutela degli alberi

Lo sai: gli alberi possono ammalarsi. Sono in specie i parassiti – sia di natura fungina o batterica che insetti (come Punteruolo rosso e blastofago) – a nuocere alla loro salute. Per curarli occorre allora conoscere cos’è meglio fare nei momenti più delicati per la loro salute.

In alcuni di questi casi i nostri esperti intervengono con l’endoterapia. Oggi puoi chiedere al nostro agronomo, dott. Leone Davide Mancini, di cosa si tratta.

“L’endoterapia” ti spiega “è cura a basso impatto ambientale e lunga durata. Consiste in una serie d’iniezioni di antiparassitari autorizzati, nel tronco. Di qui tali sostanze entrano nel sistema vascolare linfatico e raggiungono anche la chioma”. Dunque, un trattamento localizzato/personalizzato, non invasivo per l’ambiente circostante.

Mah, quali piante possono trarne maggiori benefici? “L’endoterapia è adatta per ippocastano, pino, platano, quercia, olmo, tiglio, ippocastano… Per quanto riguarda i tipi d’infestazioni, debella parecchi funghi (Armillaria mellea, Verticillium, Fusarium); ma anche acari o afidi. S’interviene poi su Cameraria ohridella, Thaumetopoea pityocampam, Corythucha ciliata, Blastofago del pino – che trattiamo frequentemente – e Punteruolo rosso. A proposito di quest’ultimo, molto efficaci sono stati nostri interventi sulle palme”.

L’argomento – in verità – riguarda anche piante semplicemente deperite, che necessitano di difesa attiva contro gli agenti atmosferici. Per questo ne riparleremo, andando verso la stagione fredda.

Di stagione in stagione.

Ascolta su SoundCloud

di Linea Verde Nicolini

0 commenti