Nell’emergenza le parole d’ordine per noi sono attenzione e vicinanza

Anche tu adesso stai twittando #iorestoacasa o #iostoacasa? Come non essere d’accordo!!

L’emergenza corona virus ci obbliga a stare attenti – per noi e per gli altri – e a rivedere le nostre abitudini. Certo per l’economia tutto ciò si sta già traducendo in un terremoto senza precedenti, paragonabile a una guerra.

Tuttavia, proprio come si fa dopo una guerra, noi dovremmo ritrovare velocemente positività e nuovi stimoli: nell’immediato futuro. Anzi, già da ora.

Dunque, prima solitudine e poi il giusto orgoglio: per il made in Italy, per le nostre capacità creative e organizzative. Sì, perché non è vero che noi italiani non possediamo capacità di visione. E nei giorni che ci separano dalla fine di una condizione così particolare, possiamo intanto esercitarci davvero a mettere in pratica tante buone prassi e strategie (magari anche un po’ dimenticate).

Tutti dicono, leggere: certo. Molti suggeriscono cucinare: ottimo. Gli imprenditori e le scuole d’ogni ordine e grado, fino all’università, sentono invece la necessità del tele-lavoro: buona idea, dove possibile. Ma tra una po’ di musica e un libro noi ti suggeriamo anche il verde.

Sì, perché è probabile che tu abbia un giardino da poter vivere di più in queste ore. E, altrimenti, avrai almeno una terrazza o un balcone. Per non parlare dell’angolo del salotto dove hai le tue preziose piante da interno. Ecco, per darti una mano o un consiglio su questo noi restiamo disponibili come sempre. Perché #noirestiamoingiardino. Con te.

Di stagione in stagione.

Ascolta su SoundCloud

di Linea Verde Nicolini

0 commenti