Non sempre serve la luce piena

Ti va di restare ancora in tema di piante grasse? Ok, ben detto: questo è il loro momento (!). Ma ti proponiamo ora di passare all’aspetto specifico della luce.

La luce piena, d’altronde, è evidentemente uno dei primi protagonisti della storia di (quasi) tutte queste piante. Beh, sì: non proprio tutte. Alcune di loro, infatti, vivono e vegetano in realtà all’ombra. Si tratta di cespugli e alberi piuttosto alti. Haworthia e stapelia, per esempio, sono tra queste ‘amanti dell’ombra’.

Poi, certo, ve ne sono altre che – essendo originarie di luoghi desertici e intensamente soleggiati – cercano soltanto sole e caldo (e da noi potrebbero quindi soffrire, eccetto che in piena estate). Esistono tuttavia degli accorgimenti che possono aiutarti.

Intanto: compra poche piante per volta, testale nel tuo ambiente domestico e solo dopo acquistane delle altre, da mettere in vasi di circa 10 cm di diametro.

Le più facili: crassula, echeveria, notocactus.

Si tratta d’un buon esercizio per mettere alla prova i vegetali e te stesso (!). Fin da subito scoprirai che le piante grasse vivono bene sulle finestre: magari quelle esposte a mezzogiorno, all’altezza del vetro e su una mensola interna. I balconi a nord e ad ovest, invece, possono essere adatti solo per le specie che abbiamo nominato all’inizio, abituate alla penombra per più ore del giorno.

Del resto, in casa si sa che le piante grandi e ricche di fogliame stanno bene negli angoli (purché in giusta luce). Le piccole, anche ‘a contorno’.

Di stagione in stagione.

Ascolta su SoundCloud

di Linea Verde Nicolini

0 commenti