Tra passato e presente il vino che sempre c’è!!!

!!Sai la leggenda? Nell 1.111 Enrico V sta raggiungendo Roma col suo esercito, perché lì Papa Pasquale II lo deve incoronare Imperatore. Al suo seguito c’è il vescovo Johannes Defuk, grande intenditore di vini. Questi manda in avanscoperta, per tutto il viaggio, il coppiere Martino.

Incarico preciso: Martino, sulla via della Città Eterna, deve scegliere i vini migliori. L’assaggiatore va quindi avanti indefesso. L’accordo prevede che lasci un messaggio in codice sul portone delle locande provviste delle botti migliori: “Est”, cioè “c’è” (c’è il vino buono).

Arrivato a Montefiascone, Martino prova come sempre il vino locale. Stavolta però la qualità merita addirittura un: “Est! Est!! Est!!!”.

Perciò Defuk si fermò qui ben tre giorni, bevendo pare fino a morirne (nella chiesa di San Flaviano, tomba e lapide famosa).

Di certo c’è che ancora oggi qui si fa ottimo vino: lo produce Villa Puri da vitigni di Trebbiano Giallo, T. Toscano e Malvasia. Collina e lago di Bolsena fanno il resto, regalandogli la ricchezza della terra vulcanica.

Pure la vendemmia resta manuale e dal sapore antico. E il vino per l’appunto si chiama Est! Est!! Est!!! È cristallino, paglierino, dai riflessi verde dorato. L’odore è intenso, raffinato. Sa di frutta matura e secca; ed è fresco e sapido. Se lo servi tra i 12 e 14°C, stai sicuro d’essere nel giusto: accanto a risotto di frutti di mare o a una ricca grigliata, magari fatta su uno dei bracieri per carni o verdure che pure vendiamo allo shop. Senza esagerare…

Di stagione in stagione.

Ascolta su SoundCloud

di Linea Verde Nicolini