Qualche consiglio per drenare i ristagni d’acqua in giardino

Ti è capitato di dover combattere degli spiacevoli impaludamenti nel giardino? E, dunque, se ti parliamo di drenaggio sai cosa intendiamo?

Condensando il discorso, potremmo semplicemente spiegarti che il terreno – a volte – può presentarsi troppo compatto. Questo stato delle cose si traduce sovente in pericolosi ristagni dell’acqua: anche quella utilizzata per l’irrigazione (!).

Ecco che, in questi casi, è necessario ricorrere tempestivamente a drenaggi parziali della superficie chiamata in causa. I nostri tecnici, arrivati in loco, ti illustreranno ulteriormente il lavoro da effettuare.

Sarà sufficiente creare delle piccole buche, le quali saranno appunto riempite di materiali permeabili e draganti. Di solito si tratta di micro-ghiaie, ciottoli, sabbia e fascine. Sopra verrà quindi riposizionata la terra precedentemente rimossa: in sostanza, un intervento che rimodella la superficie.

A tal scopo, quando e dove possibile, i giardinieri inclineranno il terreno in modo che ci siano 60/90 cm di caduta ogni 100 m d’appezzamento orizzontale. Insomma, una lieve pendenza (senz’altro orientata in direzione opposta alla casa!) che non presuppone la costruzione di pozzetti di scolo, e tuttavia è in grado di garantire l’indirizzamento dell’acqua verso uno specifico canale di drenaggio. Là tutto dovrà defluire lentamente, senza creare erosione. E senz’altro ci dovremmo assicurare insieme che lo scarico non vada neanche verso la proprietà dei vicini oppure verso canali collettori comuni.

Di stagione in stagione.

Ascolta su SoundCloud

di Linea Verde Nicolini

0 commenti