Dal green al tuo tappeto erboso

La concimazione del prato è una pratica colturale cruciale: consente d’avere un manto erboso sano, uniforme nel colore e resistente. Inoltre apporta al terreno elementi nutritivi indispensabili alla fertilità e alla crescita del tappeto erboso.

Del resto, il terreno ha bisogno di azoto, fosforo e potassio; e – in minor quantità – di microelementi come ferro, calcio, zolfo e magnesio. Così una buona concimazione migliora il rigoglio vegetativo, aumenta la resistenza alle avversità atmosferiche e alle malattie, aiuta l’accrescimento radicale. Ma quando va esguita?

Quattro volte l’anno.

  1. A fine inverno/inizio primavera si utilizza un concime ternario a pronto effetto con un’alta frazione d’azoto per stimolare la pianta alla ricrescita vegetativa.
  2. A fine primavera/inizio estate il concime deve ancora essere ternario, ma a lento rilascio (si cerca di facilitare la frazione potassica, favorendo così la resistenza ai forti stress estivi).
  3. A fine estate, poi, si torna a un concime a pronto effetto per migliorare le zone diradate dal caldo.
  4. Infine, nel tardo autunno, il concime deve essere a lenta cessione con alti valori di fosforo e potassio per rendere la pianta resistente alle avversità invernali e stimolare la crescita radicale.

La distribuzione del concime si può fare manualmente, camminando con passo continuo e costante per garantire uniformità; oppure si utilizza un carrello spandiconcime. Sempre in modo da non lasciare aree non concimate o punti bruciati da eccessi.

Per ulteriori info, chiedi pure ad Andrea Cappuccini o a un altro dei nostri esperti di tappeti erbosi.

Di stagione in stagione.

Ascolta su SoundCloud

di Linea Verde Nicolini

0 commenti