fbpx

Quando arrivi a La Trinità il primo a salutarti è il Pinus pinea

Sapevi che il Pinus pinea ha il ruolo di albero che dà il benvenuto agli ospiti? In effetti, cosa c’è di più aperto (come braccia) e di più allegro d’un grande Pino sempreverde?

Non a caso, spesso, quest’albero amante del sole viene piantato accanto alla casa: quasi a incorniciarla e ad accompagnartici dentro. Gli aghi, poi, sono considerati simbolo di felicità coniugale: perché vanno sempre in coppia.

Del resto, sia i poeti che i pittori che i musicisti si sono molto ispirati al cosiddetto Pino italico: per creare opere memorabili (o anche semplicemente ariose e serene).

Nessuno dunque nega a questo protagonista del nostro verde, tipico di tutta la campagna romana, grandi virtù estetiche e terapeutiche. Perciò – senza ora entrare in dettagli botanici o erboristici che lasciamo all’eventuale racconto degli stessi tecnici di Linea Verde Nicolini – noi tutti siamo molto contenti che a La Trinità, tra le tante piante presenti, i Pini la facciano un po’ da padroni.

Eretti sotto il loro grande ombrello, ospitano in estate molto refrigerio e tante cicale. E in tutte le stagioni garantiscono, sempre, momenti di relax e benessere (la loro resina è usata per importanti preparati fitoterapici). 

Insomma, si tratta di amici centenari, forti e resilienti. Amici nati da pochi semi tirati fuori tanto tempo fa dalle pigne, poi messi in vasi pieni di sabbia e torba. Dopo un paio d’anni, uno dopo l’altro, sono stati piantati in piena terra. Ed eccoli ancora là. Se vuoi, puoi seminare il tuo.

Di stagione in stagione.

Ascolta su SoundCloud

di Linea Verde Nicolini